La parole Giapponese per chi compra i libri senza leggerli.

 In curiosità

Probabilmente tutti abbiamo comprato almeno un libro, attratti dalla copertina-trama-autore, senza però poi leggerlo. In risposta a questo nostro istinto di acquisto-compulsivo, in Giappone è stata coniata una parola apposita: Tsundoku, che propriamente significa: ”la condizione di accumulare materiali da lettura, lasciandoli impilare senza leggerli davvero”. Attualmente questo non risulta essere un grosso problema per l’Italia, visto che la statistica ci definisce non propriamente dei gran lettori: solo il 13% rientra nella schiera dei lettori forti, ovvero quello di un libro a mese, e nel Sud Italia solo una persona su tre ha letto un libro per diletto.